14 Luglio: la "Leggenda dell'Innamorata" prende vita!

Questa romantica storia ha inizio in uno dei periodi più bui che l’Elba abbia mai vissuto, stiamo parlando degli anni in cui il pirata Barbarossa e la sua ciurma di saraceni padroneggiavano sull’Isola.

Paesi distrutti, razzie, violenza, schiavitù: quando i predoni del mare buttavano l’ancora vicino alle coste dell’Isola, la devastazione e il caos regnavano sovrani. Per anni la nostra bella Elba è stata travagliata da numerose invasioni da parte di Arabi e Turchi e l’unica speranza di sopravvivenza per i poveri Elbani era quella di rifugiarsi sui monti o in luoghi reconditi.

Correva l’anno 1534 e il giovane e facoltoso Lorenzo si innamora della bella popolana Maria. La famiglia di lui, totalmente in disaccordo a questa unione, fa il possibile per ostacolare la felicità dei due giovani, che però non si arrendono e continuano a vedersi di nascosto nella spiaggia dove si sono incontrati per la prima volta, “Cala de lo fero” chiamata così proprio per via della vicinanza alle fruttuose miniere del Calamita.

Il 14 luglio di quello stesso anno il giovane Lorenzo andava incontro al suo tragico destino: nella spiaggia, mentre lui aspetta l’amata Maria, sbarca di soppiatto una ciurmaglia di pirati che non esita a malmenarlo, pur essendo solo e disarmato. Dopo una furiosa lotta le forze abbandonano il ragazzo e i pirati riescono a farlo prigioniero e a portarlo, ormai in fin di vita, a bordo del loro galeone. Tutto questo accade sotto gli occhi della giovane Maria che da lontano e al sicuro stava osservando, impotente, la drammatica scena.

Maria, accecata dall’amore, corse per quanto le fu possibile verso quella spiaggia dove un tempo regnava solo l’amore. Durante la sua folle corsa però, si accorge che da quel maledetto corsaro viene gettato in mare un corpo che lei riconosce all’istante: è Lorenzo. Capisce subito che la speranza di rivederlo vivo è vana, ma l’unica cosa che conta veramente è ricongiungersi a lui. In un ultimo tragico impeto d’amore si getta in mare e a nuoto cerca di raggiungere l’altra metà della sua vita.

Nessuno rivide più i due giovani, e di lei fu ritrovata solo la sua “”Ciarpa” impigliata su uno scoglio, che ancora oggi viene chiamato “lo scoglio della ciarpa”.

Il fato volle che circa cento anni più tardi, un certo Domingo Cardenas, nobile spagnolo costretto all’esilio, una sera passeggiando lungo il bagnasciuga della spiaggia, non solo ebbe la visione di Maria su quel famoso scoglio, ma sentì anche le sue grida disperate.

Subito la sua mente tornò alla storia che i pescatori del posto amavano tanto raccontare a tutti coloro che avessero avuto la voglia e il tempo per ascoltarla. Il racconto del tragico destino di due giovani ragazzi, divisi dal male ma uniti per sempre dall’amore. Da quella sconvolgente visione il rampollo decise che ogni anno avrebbe acceso mille torce lungo tutta la spiaggia per permettere a Maria di raggiungere il suo Lorenzo anche a notte fonda. Quella spiaggia, di li a poco, sarebbe stata ribattezzata con il nome di “Spiaggia dell’Innamorata”.

Inoltre, per far si che la memoria delle fiaccole non si fermasse alla sua morte, appose al suo testamento una clausola che si sarebbe tramandata di padre in figlio: i suoi discendenti avrebbero mantenuto in vita la leggenda e ogni 14 Luglio avrebbero dovuto accendere le fiaccole lungo l’arenile. E così fu…. O quasi…

Le guerre mondiali infatti interruppero tale tradizione, che fu ripresa soltanto nel 1985 e che da quell’anno non fu mai più interrotta, fino al 2017. Purtroppo, le sempre più rigide leggi sulla sicurezza non hanno permesso agli organizzatori di predisporre tutto regolarmente, annullando all’ultimo minuto uno degli eventi più attesi dai Capoliveresi e dai turisti.

Per ben 32 stagioni, ogni 14 Luglio Capoliveri tornava indietro a quel lontano 1534, dove con accurati cortei storici, gare e fuochi d’artificio faceva rinascere una delle più antiche e suggestive leggende dell’Isola d’Elba.

Ora, che sia vera o che sia soltanto il frutto dell’immaginazione di qualcuno con tanta fantasia, poco importa perché i Capoliveresi ci credono così tanto a questa festa che riescono a trasmettere a chiunque la viva tutto l’amore e tutta la passione che mettono nell’organizzarla. E agli occhi di chi la guarda questa passione si tramuta in entusiasmo, trasporto e tanta voglia di partecipazione. Per una sera siamo tutti Lorenzo, per una sera siamo tutte Maria.

Speriamo che per il 2018 tutto si sia sistemato, una festa come questa non può mancare nel calendario degli eventi estivi dell’Isola d’Elba.

LEGGI ANCHE...