Il Museo dei Minerali di Rio Marina si trova nel centro del paese dentro la sede storica della direzione delle miniere, il Palazzo del Burò, e si estende per circa 700mq. La prima parte del museo è dedicata ai minerali, potrete vedere infatti una delle collezioni più importanti di tutta l’Isola d’Elba; la seconda parte invece riguarda la storia della geologia dell’Isola, dagli etruschi fino alla chiusura delle miniere. Interessanti sono anche l’officina dei fabbri ferrai con gli attrezzi originali provenienti dai cantieri e una galleria a grandezza naturale realizzata da esperti di archeologia industriale. Oltre a questo, dal museo è possibile prenotare una visita per vedere il Parco Minerario di Rio, una miniera a cielo aperto che scoprirete grazie ad un simpatico trenino che, attraverso un tour della durata di circa ottanta minuti, vi condurrà nel cuore dell’attività estrattiva, dandovi anche l’opportunità di portarvi a casa qualche pezzetto di minerale, un bel souvenir per voi o per gli amici. Per fare questo giro è indispensabile la prenotazione.

Museo dei Minerali di Rio Marina presso Palazzo del Burò – Isola D’Elba – Via Magenta 26, 57038 Rio Marina (LI) numero di telefono 0565962088 info@parcominelba.it

Museo Civico Archeologico del Distretto Minerario di Rio nell'Elba

Il Museo Civico Archeologico del Distretto Minerario di Rio nell’Elba mostra la storia dell’Elba orientale, strettamente legata alle sue straordinarie risorse minerarie, sfruttate dalla Protostoria fino all’età contemporanea. Inaugurato nel 2003, il Museo espone la sua collezione in un’ampia sala che si affaccia sulle colline che degradano verso il mare, quelle stesse colline che per oltre due millenni hanno fornito il prezioso ferro. I più antichi materiali archeologici che si possono vedere all’interno del museo sono quelli neolitici (della fine del III millennio a.C.) che provengono dai corredi funerari della grotta di San Giuseppe, dove venne sepolta un’intera comunità che si era stanziata in prossimità del mare. Nel 2009 il Museo si è arricchito della Collezione dei minerali elbani della Gente di Rio: la popolazione di Rio ha raccolto e donato diversi campioni di minerali di provenienza elbana per renderli visibili a tutti attraverso il Museo.

Il Museo Civico Archeologico del Distretto minerario di Rio nell’Elba è aperto dalla settimana di Pasqua fino a fine ottobre. Durante gli altri mesi dell’anno è visitabile su prenotazione – numero di telefono 0565-962088 – email:  info@parcominelba.it.

Orto dei Semplici a Rio nell'Elba

L’Orto dei Semplici Elbano si trova lungo la strada che collega Rio nell’Elba a Nisporto. Una volta parcheggiata l’auto si accede al giardino tramite un lungo viale sterrato di cipressi, alla fine di esso scorgerete il prato prospiciente l’antico Eremo di Santa Caterina, a sinistra del quale si trova l’Orto dei Semplici. L’area è stata suddivisa in 10 sezioni tematiche e, per la precisione, abbiamo la macchia mediterranea, il pergolato, la flora delle dune marine, le piante sacre delle civiltà antiche, le piante degli antichi giardini elbani, il labirinto, l’anfiteatro, il giardino delle farfalle, il frutteto e il campo grande. L’Orto dei Semplici è nato da un’idea di Garbari e Corsi, due valenti biologi dell’Università di Pisa, con lo scopo di conservare e valorizzare le specie di interesse naturalistico, farmaceutico, agrario e forestale dell’Arcipelago e per tutelare le risorse naturali, alcune anche molto rare, dell’Isola d’Elba.

Orto dei Semplici Elbano – Numero di telefono +39 0565 943428 / Roberto Ballini tel. +39 339 2974678 – email: ortodeisemplicielbano@gmail.com

Biblioteca Foresiana a Portoferraio

La Biblioteca Comunale Foresiana si trova all’interno del Centro Culturale De Laugier, nel centro storico di Portoferraio. La sua storia ha inizio nel 1815 quando Napoleone, in partenza per la Francia, dà in regalo la sua preziosa biblioteca alla Comunità di Portoferraio. La raccolta dei libri negli anni venne ampliata grazie a donazioni di enti sia pubblici che privati tra cui Giuseppe Garibaldi e Mario Foresi: quest’ultimo dette in dono 14.000 volumi di grandissimo valore storico e culturale, non a caso la biblioteca deve il suo nome proprio a lui. La Biblioteca Foresiana custodisce anche opere e manoscritti di grande interesse storico, artistico e mineralogico sull’Isola d’Elba, oltre a una raccolta di opere del ‘500, ‘600 e ‘700 in edizioni rare e preziose. Può essere considerata il centro di documentazione più completo sull’Arcipelago Toscano. Al suo interno è attiva la Biblioteca dei Ragazzi dove si fanno iniziative dedicate alla promozione della lettura per i ragazzi e le loro famiglie.

Biblioteca Foresiana presso Centro Culturale De Laugier – Salita Napoleone – 57037 – Portoferraio (LI) – Numero di telefono: +39.0565 937371 Email: biblioteca@comune.portoferraio.li.it

Villa dei Mulini e Villa San Martino a Portoferraio

Villa dei Mulini e Villa San Martino sono probabilmente i due musei Nazionali più famosi dell’Isola d’Elba, questo perché erano le residenze di Napoleone Bonaparte durante il suo esilio. La Villa dei Mulini custodisce al suo interno la preziosa biblioteca di Napoleone e nel suo splendido giardino si possono ammirare due statue, una di Minerva (che dovrebbe risalire all’antica Grecia) e una copia di Galatea del Canova, per la quale pare abbia posato Paolina Borghese. Gode inoltre di una vista mare tra le più belle di quel versante. La Villa di San Martino è la residenza estiva di Napoleone che, oltre alla splendida sala egizia dedicata alla campagna d’Egitto e alla romantica sala del nodo, ospita l’interessante galleria Demidoff dove è custodita l’originale scultura di Galatea scolpita dal Canova.

Per questione di sicurezza l’ingresso alle ville è consentito solo per 30 persone alla volta. Per informazioni questo è il numero di telefono:+39 0565 915846

NAT - LAB Museo Naturalistico dell’Arcipelago Toscano a Portoferraio

NAT – LAB, Museo naturalistico dell’Arcipelago Toscano si trova dentro il Forte Inglese di Portoferraio e al suo interno ospita e salvaguarda le collezioni entomologiche, zoologiche e botaniche dell’Arcipelago Toscano. Il museo nasce grazie alla passione e alla volontà di Leonardo Forbicioni, il quale ha voluto dare a tutti la possibilità di sentirsi un vero naturalista: in questo museo avete la possibilità di esplorare la biodiversità di terra, acqua e aria. Si tratta di un percorso multimediale davvero coinvolgente con descrizioni, foto e audio dei versi degli esemplari esposti. Di questo museo esiste anche un’applicazione per cellulari Android e Apple che vi consigliamo di scaricare: NatLab .

Per maggiori informazioni: NatLab presso Forte Inglese a Portoferraio, numero di telefono: 0565 908231

International Open Air Italo Bolano a Portoferraio

International Open Air Italo Bolano è un luogo per artisti e pubblico, voluto e ideato dal famoso artista elbano Italo Bolano. Lo scopo è quello di incontrarsi, discutere, lavorare o semplicemente intrattenersi nel parco. L’atmosfera magica e fuori dal tempo in cui i 30 monumenti convivono in perfetta armonia con la natura è un’esperienza da provare. Il parco di 10.000 metri quadri, ornato da piante mediterranee, mimose, eucalipti, cipressi, mirti e oleandri, oggi ospita gallerie per esposizioni, spazi per conferenze, laboratori di ceramica, teatro all’aperto e bookshop. Questo museo è uno dei primi sentieri dell’arte moderna riconosciuti dalla Regione Toscana (TRAART)

International Open Air Italo Bolano , Via di S. Martino, 57037  Portoferraio – Numero di telefono: 3476434610

Museo Civico Archeologico della Linguella a Portoferraio

Il Museo Civico Archeologico della Linguella si trova negli antichi magazzini del sale della fortezza medicea della Linguella. Al suo interno sono conservati ed esposti secondo un’organizzazione topografica, reperti etruschi e romani che vanno dall’VIII sec. a.C. fino al V sec d.C., provenienti da tutto l’Arcipelago Toscano che certificano la grande importanza dell’Elba e delle altre isole nei traffici commerciali del Mediterraneo. Anfore, vasi, armi e strumenti provenienti da relitti marini, necropoli e ville d’ozio, il tutto ci parla di una storia commerciale e culturale lunga secoli che potrete leggere nei pannelli didattico-illustrativi presenti nelle sale del museo.

Museo Civico Archeologico della Linguella – Piazzale della Linguella, 5, 57037 Portoferraio LI – Numero di telefono : 0565 944024

Museo del Mare a Capoliveri

Il Museo del Mare di Capoliveri racconta la disavventura del piroscafo Polluce, affondato (insieme a tutti i suoi tesori) al largo di Capo Calvo nel 1841. Pur essendo molto piccolo, farà vivere una bella esperienza sia agli adulti che ai bambini. Si tratta di una mostra accurata e davvero interessante: monete in oro e argento, gioielli e resti di oggetti di uso comune accompagnati da bei filmati che mostrano la storia del Polluce e i lavori di recupero. Spesso al suo interno, per intrattenere i visitatori, viene organizzata una “caccia al tesoro” sempre molto apprezzata da tutti.

Museo de Mare, Via Palestro, 6, 57031 Capoliveri – Numero di Telfono: 0565 967029

Museo della vecchia officina a Capoliveri

Andando verso il Monte Calamita, proprio sopra il cantiere del Vallone di Capoliveri, scorgerete il Museo della Vecchia Officina. Arredi originali, cartelli d’epoca, attrezzi, vestiti, tutto quello che vi circonda racconta la storia di quei minatori, dei loro sacrifici e delle loro paure. Le sale allestite al suo interno riproducono gli ambienti tipici della miniera, potrete vedere l’officina meccanica, gli attrezzi di lavoro, l’infermeria, gli uffici e l’archivio con tanto di documenti, i registri degli infortuni e le cartografie antiche. Il Museo della Vecchia Officina è un ottimo punto di partenza per i diversi percorsi di trekking che si snodano lungo il monte Calamita, le selvagge spiagge di quel versante e le visite guidate verso le miniere sotterranee ed i cantieri a cielo aperto.

Museo della Vecchia Officina, via Calamita, 57031 Capoliveri – Numero di telefono +39 0565 935492

Museo Civico Archeologico a Marciana

Il Museo Civico Archeologico di Marciana è stato il primo museo a carattere archeologico dell’Isola d’Elba. Nato alla fine degli anni ’60 per dare un posto sicuro ai materiali preistorici e protostorici rinvenuti nell’Isola, oggi conta quattro sale ognuna con un tema specifico: la sala numero I accoglie la sezione preistorica e protostorica, la sala numero II si concentra sui reperti di Monte Castello a Procchio, la sala numero III focalizza l’attenzione sul granito, importante risorsa mineraria del versante occidentale fin dall’antichità, e infine la sala numero IV custodisce i reperti dei due relitti romani rinvenuti nella baia di Procchio.

Museo Civico Archeologico di Marciana –  via del Pretorio, 66, 57030 Marciana – Numero di telefono: 346 769 4260

MUM - Museo Mineralogico Luigi Celleri di San Piero

MUM – Museo Mineralogico Luigi Celleri di San Piero sorge davanti all’antica pieve romanica di San Niccolò, ad un passo dal Belvedere, punto panoramico per eccellenza di San Piero. Al piano terra è possibile vedere un piccolo giardino di piante curative e non, la galleria del granito e infine un piccolo book shop dove poter acquistare libri a tema. Al primo piano si trovano l’archivio e le consultazioni, la galleria dei minerali, la sala multimediale e quella dove sono esposti i minerali.

MUM – Museo Mineralogico Luigi Celleri – Via Camillo Benso Conte di Cavour, 73, 57034 San Piero In Campo – Numero di telefono: 393 804 0990